Museo di Storia della Mezzadria “Sergio Anselmi”

0 Recensioni

Indirizzo:

Strada Comunale delle Grazie, 2
60019 Senigallia

Telefono:
0717923127
Fax:
0717927684
E-mail:
m.storiamezzadria@libero.it
Orari:
ORARIO ESTIVO dal 21 giugno al 4 settembre: dal martedì al giovedi 16.00 - 20.30 dal venerdi alla domenica 9.00 - 12.00 / 16.00 - 20.30 (ultimo ingresso 15 minuti prima della chiusura) ORARIO INVERNALE dal 5 settembre al 20 giugno: martedì mercoledì sabato domenica 10.00-13.00 giovedì venerdì 10.00-13.00 e 15.00-18.00 (ultimo ingresso 15 minuti prima della chiusura)
Museo di Storia della Mezzadria “Sergio Anselmi”

Descrizione:

Fondato nel 1978 da Sergio Anselmi, il Museo documenta la quotidianità di vita e di lavoro nelle campagne marchigiane nella prima metà del Novecento

Nell’affascinante complesso di Santa Maria delle Grazie di fine Quattrocento, immerso nel verde delle colline di Senigallia, si trova lo straordinario Museo comunale di Storia della Mezzadria “Sergio Anselmi”, che dal 1978 è punto di riferimento per conoscere la quotidianità di vita e di lavoro nelle campagne marchigiane del Novecento (circa 2000 gli oggetti esposti in trenta ambienti a tema).

Il suggestivo chiostro rinascimentale di un’ala dell’ex convento delle Grazie, con lunette del 1598 raffiguranti la Vita di San Francesco, costituisce il primo impatto con il Museo, e poi si susseguono le stanze dedicate a frantoio, grandi carri, macchine per la cernita dei grani, attrezzi per le riparazioni, cucina, telai, canapa e, nel seminterrato, una grande cantina.

Al primo piano si coglie ancor meglio la genialità e la fatica dei contadini nella varietà dei loro strumenti di lavoro. Qui con percorsi ben articolati gli oggetti documentano i grandi temi del lavoro contadino: grano, vino, granoturco, barbabietola, quotidianità, il tutto accompagnato da bellissime foto storiche alle pareti.
Il rigore e la passione nella distribuzione dei temi e degli oggetti, dietro i quali si avverte sempre la presenza dell’uomo, fanno sì che il Museo materializzi nelle sue molteplici sfaccettature una lunga vicenda che ha segnato la storia della regione Marche: la mezzadria. Sono presenti didascalie degli oggetti in italiano, inglese, francese, tedesco.

 

Nel Museo è possibile vedere anche:
– Antiquarium Luisa Pieroni: vetrine con reperti dall’età del ferro all’età romana rinvenuti nel territorio di Montedoro, prossimo al Museo
– fotografie di Mario Giacomelli
– fotografie di Mario Carafòli
– fotografie di Umberto Gennari
– quadri di Vittorio Ottavio Giuliani (GIVIOT)

Nel Museo è possibile consultare su appuntamento:
– biblioteca con libri appartenuti a Sergio Anselmi
– biblioteca con libri di agricoltura e di storia della regione Marche

 

Ingresso gratuito. Per visite di gruppi è necessaria la prenotazione.
Visite ad ingresso gratuito riservate per scolaresche previste il martedì e il mercoledì mattina.

Recensioni:

Scrivi la tua recensione: