La Rotonda a mare

0 Recensioni

Indirizzo:

Piazzale della Libertà
60019 Senigallia
Italia

La Rotonda a mare

Descrizione:

La storia racconta che le origini de la Rotonda a mare di Senigallia vanno ricercate nella seconda metà  del XIX secolo, quando l’architetto Vincenzo Ghinelli progettò la struttura e venne costruita in legno a poche centinaia di metri a nord della posizione attuale. Nel 1910 fu affidata a dei privati che successivamente la trasformarono nell’Hotel Bagni, sostituendo il legno con materiali più resistenti.

Il 30 gennaio 1932 l’Azienda Autonoma Stazione di Cura e Soggiorno prese la decisione di spostare la Rotonda a Mare nella posizione attuale, scegliendo il progetto dell’ingegnere Enrico Cardelli. L’inaugurazione della nuova rotonda avvenne il 18 luglio 1933, e ben presto divenne famosa per le sue serate a base musicale, diventando talmente celebre che il 7 luglio 1935 l’allora principe Umberto visitò Senigallia per ammirare la Rotonda e per inaugurare la “Colonia Marina Maria Pia di Savoia”.

Nel corso della seconda guerra mondiale venne utilizzata come magazzino militare, ma una volta terminato il conflitto la Rotonda a mare ritornò, specialmente negli anni cinquanta e sessanta, al centro della mondanità  richiamando a Senigallia numerosi turisti e artisti di prim’ordine della musica leggera italiana.

Da molti è ritenuta l’ispiratrice della nota canzone Una rotonda sul mare, cantata da Fred Bongusto. In realtà  la canzone fu scritta dall’autore Franco Migliacci dalla rotonda che sorgeva sul lago a Passignano sul Trasimeno su ammissione dello stesso.
Col tempo il successo calò e la Rotonda fu dichiarata inagibile fino a dover essere chiusa alla fine degli anni ottanta

Quella che una volta era un importante luogo turistico rimase chiuso al pubblico fino all’estate 2006, quando i lavori di ristrutturazione giunsero al termine. Oggi la Rotonda a mare di Senigallia è tornata a splendere e vi si tengono mostre, convegni ed eventi di vario genere, e dove è possibile anche celebrare matrimoni seguendo il rito civile.

Recensioni:

Scrivi la tua recensione: